Ordine Fisioterapisti Bologna Ferrara
  • Di cosa si occupa il fisioterapista? La brochure dell’Ordine per i cittadini
    La brochure dell'Ordine Fisioterapisti
  • Delibera Regionale 1919/2023: ulteriore proroga e FAQ
    Delibera 1919/24
  • Assemblea ordinaria dell’Ordine dei Fisioterapisti di Bologna e Ferrara: il report
    post facebook (1)
Cerca
Close this search box.

Piano dell’Uguaglianza della città metropolitana di Bologna

Pubblicato il 27 Settembre, 2023

All’interno della splendida cornice della Sala Marco Biagi, sede dell’Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bologna, si è tenuto lunedì 25 Settembre un importante evento riguardante il Piano dell’Uguaglianza della città metropolitana di Bologna, presentato dalla Responsabile Dott.ssa Simona Lembi.  L’Avvocata Roberta Li Calzi (assessora al bilancio e sport) e la Dottoressa Elisa Vicenzi (Comitato Pari Opportunità ODCEC Bologna) hanno presentato rispettivamente il bilancio di genere del Comune di Bologna e quello più specifico dell’ODCEC. 

Ampio spazio è stato poi dedicato alla tavola rotonda, che ha visto la partecipazione dei rappresentanti di numerosi Ordini professionali e collegi provinciali, regionali e interregionali. L’Ordine interprovinciale dei Fisioterapisti di Bologna e Ferrara, rappresentato dalla consigliera Dott.ssa Beatrice del Bianco (componente della Commissione Relazioni Sociali) ha condiviso con la platea il bilancio di genere dell’Ordine: numero di iscritti, percentuale di uomini e donne e loro suddivisione in classi di età. Ha sottolineato l’impegno dell’Ordine alla crescita di una cultura professionale basata sull’uguaglianza, sull’equità di accesso alle cure e sull’appropriatezza clinica, elementi base per l’adeguatezza dell’intervento riabilitativo e del sistema curante in generale. La consigliera ha ribadito inoltre la necessità e l’impegno a promuovere attività formative e informative orientate alla diffusione della medicina di genere, al fine di garantire una sempre maggiore qualità e appropriatezza clinica dei servizi e delle prestazioni sanitarie erogate, auspicando anche eventuali collaborazioni future con altri Ordini.