Ordine Fisioterapisti Bologna Ferrara
  • Di cosa si occupa il fisioterapista? La brochure dell’Ordine per i cittadini
    La brochure dell'Ordine Fisioterapisti
  • Delibera Regionale 1919/2023: ulteriore proroga e FAQ
    Delibera 1919/24
  • Assemblea ordinaria dell’Ordine dei Fisioterapisti di Bologna e Ferrara: il report
    post facebook (1)
Cerca
Close this search box.

Una nuova alleanza tra OFI Bofe e Cittadini per nuove prospettive di Salute

Pubblicato il 7 Agosto, 2023

Il 19 luglio si è tenuto a Bologna un primo incontro ufficiale tra Ofi Bologna Ferrara e Cittadinanzattiva Emilia-Romagna a cui hanno partecipato il presidente Vincenzo Manigrasso e la consigliera Gloria Roversi, referente della Commissione Relazioni Sociali dell’Ordine.
Per le Associazioni hanno partecipato Rossana Di Renzo, responsabile del Coordinamento Regionale Associazioni Malati Cronici e Rari (CrAMCR) e referente del Tavolo regionale sulla Cronicità, Marilena Vimercati referente CrAMCR e Anna Baldini segretario regionale di Cittadinanzattiva Emilia-Romagna. L’occasione è stata utile per presentare l’Ordine neo istituito ed avviare un confronto tra le parti sui contenuti delle riforme che si stanno avviando nell’ambito del sistema integrato dei servizi socio-sanitari. Si è constatata una totale convergenza di opinioni in merito alla necessità di rafforzare e qualificare gli interventi in particolare nell’ambito della gestione delle cronicità. Per ciò che concerne la presa in carico fisioterapica ciò significa passare da una logica meramente prestazionale alla progettazione, nell’ambito dei PDTA - Percorsi Diagnostici terapeutici assistenziali- e del lavoro nei team multidisciplinari, di interventi di prevenzione, educazione e cura delle persone assistite, dei loro familiari e dei care giver anche attraverso l’istituzionalizzazione della figura del Fisioterapista di comunità. L’incontro si è concluso con la volontà condivisa di approfondire tutti i possibili ambiti di collaborazione finalizzati a migliorare la qualità degli interventi fisioterapici che nell’ambito dei piani di cura personalizzati possono essere un fattore determinante nell’integrazione dei “percorsi assistenziali” con i “percorsi esistenziali” così come previsto dal piano nazionale delle cronicità.